venerdì 18 giugno 2010

La badante è in malattia ... ma per quanto tempo?

Quando la badante è in malattia, si moltiplicano i problemi. La badante ha bisogno di cure, si ammala e resta in casa. Una badante che si rispetti, si ammala a casa sua e manda il certificato medico il giorno dopo, così può andare a fare un lavoro in nero da un'altra parte senza troppi problemi. Se però il datore di lavoro s'insospettisce, la cura, ma non con il Formitrol ma con un cannocchiale.

Il contratto parla chiaro:

1) per anzianità fino a 6 mesi, superato il periodo di prova, 10 giorni di calendario;
2) per anzianità da più di 6 mesi a 2 anni, 45 giorni di calendario;
3) per anzianità oltre i 2 anni, 180 giorni di calendario.

Una badante che hai in casa da 2 anni, e ti si ammala a prendere il sole per sei mesi sul Mar Nero, è una vera sfiga. Gli mantieni il posto di lavoro, però almeno non la paghi. Si! Perchè se la badante si ammala paga il datore di lavoro. Calma oh! Mica per sei mesi.

Punto 1)

si pagano massimo 8 giorni (i primi tre consecutivi al 50%, gli altri al 100%) dopo 8 giorno (nei 365 giorni dell'anno) non si paga più ma, si aspettano 10 giorni di malattia prima di decidere se licenziarla o sopprimerla, perchè diventa un peso per la società (l'anziano che non vuol morire e il figlio che cerca di convincerlo a farlo e che normalmente paga le spese della prestazione)

Punto 2)

si pagano massimo per 10 giorni (con la solita clausola del 50% per i primi tre giorni) dopo 10 giorni non si paga più "e ti credo, che sono Babbo Natale?" però ci sono 45 giorni di tempo per lasciarla definitivamente sul Mar Nero o sulle alture del Kilimanjaro. Ragazzi occorre pazienza. Ragazzi si fa per dire, perchè tu prova a spiegare al vecchio che la sua cara badante è a casa per volontà sua e non è colpa dei parenti che non vorrebbero più pagarla ma stoici continuanio a stampare Euro.

Punto 3)

stesse regole, si pagano 15 giorni e si mantiene il posto per 180 giorni.

La fregatura è che finita una malattia si ricomincia da capo a contare anzianità e anno solare entro il quale la malattia si accanisce sulla badante.

46 commenti:

  1. E VA BENE COSI FACCIO FINTA CHI SONO MALATA E VADO AL MARE DI CASA BLANCA A PRENDERE IL SOLE MA CHE BELLO!

    RispondiElimina
  2. Dipende!!
    Dipende dall'anzianità e poi i primi tre giorni prendi solo il 50% e al massimo prendi paga per 15 giorni complessivi, che comunque sono buoni per fare due settimane di ferie all'anno.

    RispondiElimina
  3. In un lavoro normale, se sei fuori casa devi mandare un certificato medico. ma se uno è ammalato a vedere i mondiali in Sud Africa come lo manda ... per email?

    Mi viene alla mente Marchionne (amministratore delegato della FIAT). Ha detto "quelli di Termini Imerese hanno fatto sciopero quando c'era la partita di calcio. Ma ci stiamo prendendo in giro?"

    I datori di lavoro capiscono sempre queste cose e poi stringono la borsa o trovano motivo per licenziare.

    RispondiElimina
  4. io sono malatta per da vero, ma adesso non posso perchè ho lavoro in negro. Chi mi cura? io tengo permeso di sugiorno uguale e alora? I medicine chi paga? Gazie mille.

    RispondiElimina
  5. Le cure non centrano nulla con il lavoro (in Italia).
    Se hai un regolare permesso di soggiorno, basta per avere le cure, le medicine si pagano solo in piccola patre (si paga il tiket) come tutti. Vai all'ASL (Azienda Sanitaria Locale della tua città di residenza in Italia, dove ci sono un po' di medici, un po' di burocrazia e tante file da rispettare) e chiedi ti venga rilasciata la "Tessera Sanitaria".
    Subito ti daranno un foglio (con la scelta del medico di tua fiducia o più vicino al posto dove lavori o abiti), poi ti spediranno a casa una tessera con la quale tu avrai diritto di assistenza medica in tutta Europa a spese del servizio sanitario della tua città di residenza. Questa tessera vale quanto il permesso di soggiorno quindi va rinnovata tale e quale il permesso di soggiorno.
    All'ASL si fa la fila, come in tutti i posti. Per non perdere la priorità aqquisita (il posto), sempre meglio cercare la macchinetta che distribuisce i numeri progressivi di accesso agli sportelli per non fare i furbi o i "pesci lessi".

    RispondiElimina
  6. quando la badante decide di mettersi in malattia sono guai per tutti. Ricatta la famiglia che l'ha assunta e basta

    RispondiElimina
  7. Andre PortoFerraio4 ottobre 2011 19:11

    la malattia è a carico del datore di lavoro e non si capisce perchè questi paghi allora l'INPS a fare che?

    RispondiElimina
  8. Cari mei! Per fregare tutti quanti!!!

    RispondiElimina
  9. Lo stato italiano frega i malati per farli morire più presto possibile. I vecchi sono solo una spesa e i malati di qualsiasi età sono già vecchi da qualche parte e lo stato non li vuole.

    RispondiElimina
  10. quelle date valgono solo per il mantenimento del posto. I giorni a carico del datore lavoro o dell'assicurazione che c'è adesso è 20 giorni max.
    Una che si ammala al rientro poi trova però la lettera di licenziamento

    RispondiElimina
  11. Una badante malata è come una infermiera inferma. Un vero problema pagare una persona che è a carico di chi la assume anche quando è in malattia.

    RispondiElimina
  12. cosa spetta di diritto a badanti

    RispondiElimina
  13. comincia a pensare ai tuoi doveri poi penserai ad ammalarti

    RispondiElimina
  14. Non ne posso più della colf a singhiozzo. Quando la voglio licenziare mi si ammala è una situazione insopportabile. Sto pagando per non avere un servizio.

    RispondiElimina
  15. dovrei pagare io 15 giorni di malattia alla badante? e allora a cosa servono i contributi inps?

    RispondiElimina
  16. La badante in malattia è una grande grana. Si paga e non si riceve nulla in cambio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meglio no?quanto rompono il cazzo anche loro a noi,,,,,,,,,,,,,,,,,uuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiui

      Elimina
    2. si paga massimo per 15 giorni e dopo se non c'è più fiducia si licenzia

      Elimina
  17. quando la badante va in malattia è un casino. Come in una stalla piccola quando venire a mancare l'unico mungitore. Tocca al contadino fare tutti i lavori.

    RispondiElimina
  18. quelli cose sono veri pero anche contratto di lavoro di badante una m..... si paga tante contributi pero non valgo nulla. Allora tutti voglio lavare le mani , lasciando suoi cari genitori con una badante pero come lei si malo fanno un bel calcio per sedere, parlare si parla pero non si fa nulla di quello noi badanti siamo come roba veccia come non servi si butta

    RispondiElimina
  19. La spesa di una badante è pesante per una famiglia, e vale quanto un'auto di grossa cilindrata ogni anno.
    I contributi li paga la famiglia allo stato italiano.
    Quando si va dal barbiere, fatta la barba e capelli, si paga, si saluta e per un mese o due, non ci si torna più. Il barbiere sa che non può contare solo su quell'unico cliente, come lo sa il fruttivendolo, il panettiere ecc.
    Tanti lavori sono così, e anche chi decide di accettare un lavoro da badante è bene sappia che questo lavoro è fatto così. Oggi c'è, mentre domani potrebbe non esserci più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me 17 o 20 venti euro a settimana.li vabene cosi.che dici?volete gatis o voluntariato?

      Elimina
    2. che vuoi dire?
      Il volontariato esiste ed esiste anche un servizio ASL gratuito che da aiuto alla famiglia. Basta chiedere in comune o al medico di base e arriva tutto gratis anche chi ti lava la persona.

      Elimina
    3. allora a te ti bastano 20 euro di mangiare per una sett?vabene cosi?

      Elimina
    4. il vitto minimo minimo vale 4 o 5 Euro a pasto

      Elimina
  20. La badante in malattia dovrebbe essere licenziabile. Una famiglia è già alle strette e non può sobbarcarsi l'onere di una nuova badante e la malattia di quella vecchia

    RispondiElimina
  21. Ma siete tutti dei ignoranti. Parlate delle badante siccome siano dei oggetti. Vi lavano il culo e poi quando si ammala non sapete come mandarla fuori perche si trovano badante da per tutto adesso che c'e la crisi, vero?
    Pensate che un lavoro come questo e facile? Perche non badate voi ai vostri cari genitori allora?
    Una vergogna. Non mi viene da credere cosa leggo qui!

    RispondiElimina
  22. se non ti viene da credere a quello che leggi, ammalati al tuo paese, così troveremo meno pronto soccorsi pieni di gente che ha bisogno solo di un'aspirina ma che non sa dove andarla a prendere perchè clandestini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho un anno di lavorro.in aprile ho avuto giramenti di testa.solo quel giorno fine alle 15 pomeriggio.dalla tiroidite.e arrivata la figlia che dise ...io devo lavorare tranquilla.vieni ti porto in pronto soccorso.nn sn andata ma mi sn sentita come una muca che nn da più il latte,stronzzi.pezzi di merda.sn ancora qui senza un giorno di ferie ancora perché qui fo tutto io ma nn mi devo permetere di amalare.mortaci vostri.miky

      Elimina
    2. se un datore di lavoro e stronzo perchè ti porta al pronto soccorso allora è FINITA proprio

      Elimina
    3. pe farsi che e interesato.e che nn prende una vertenza.

      Elimina
    4. secondo me non è per non prendere una vertenza perchè quella (che si porti o non si porti la badante al pronto soccorso) se le carte non sono in regola si finisce sempre in una grana

      Elimina
    5. Con
      tutte le vostre ragioni, giuste o no che siano, non facciamo di tutta un'erba un fascio!!!!
      Io saro' stata fortunata????

      Elimina
    6. le badanti fanno vertenze sempre e se non ci sono ragioni se le inventano

      Elimina
  23. Caro Anonimo, se non badiamo noi stessi ai nostri anziani forse è perché non possiamo farlo e per questo motivo paghiamo voi badanti, e anche profumatamente! Ti giro la domanda: se noi tutti potessimo badare ai nostri cari, voi come fareste ad avere i soldi per vivere qui in Italia? Sareste obbligati a tornarvene al vostro Paese. Quindi non insultare le tante famiglie che, con grandi sacrifici, pagano delle badanti che, molte volte, non fanno nemmeno il loro lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le badati pretendono e basta. VOGLIONO SOLDI DALLE FAMIGLIE E INDENNITÀ DALLO STATO QUANDO SONO DISOCCUPATE. L'Italia deve loro per legge. E con tutti i casini che abbiamo anche un ministro per l'integrazione e non per la disintegrazione totale dovevamo pagare.

      Elimina
  24. dopo due anni 180 giorni? 6 mesi? ma siamo sicuri? e chi paga e chi cura l'anziano?

    RispondiElimina
  25. ho lavorato 10 anni come badanta prima e un lavoro dopo me afizziono a miei noni visto che la mia familia e lontana loro diventano la mia .non sapete quanto amore ti mostrano loro che hanno visogno di te e ti ringraziano semppre de esere li vicino visto che suoi figli lavorano e non hanno tempo per loro .e no vedono la ora de uscire del sacrificio che fanno per sui cari.pagare la badante la bolleta il constributi.e tuto il resto.per fortuna che che ci tiene da vero a su padre o madre anziani.altri guardano solo il soldi che spendono.e un lavoro duro sopratutto se non puoi dormire la notte e devi svegliarte presto a fare le cose di casa perche guai si non hai lavato il piatti il giorno prima.so che qualque furba si da malata e non lo e.ma questo no riguarda solo la badante.se ne vedono di tutti colori de gente che truffa qua .ma non posiate parlare de tutty le badante male.e semplicista .comunque provate per due giorni di andare dietro un malato de alzaimer.cosi podresti meterte en gli panni de una badante e veder il sacrificio che fa.no pensate solo al soldi che spendete.dovresti esere piu umani .io stessa non me fidarei mai de lasciare la mia mama o mio papa con una stragna no per mancansa de fiducia penso bene sempre de le altri si no dimostrano il contrario ma perche voglio esere io a starle vicino quando avranno visogno .comunque no me arrabio per quelo che pensano alcuni di noi badanti.sono fiera de me stessa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava!!!

      da parte di una figlia italiana

      Elimina
    2. ci sono badanti brave e datori di lavoro bravi,

      Elimina
  26. Molte badanti non lavorano come dovrebbero e mettono in cattiva luce il duro lavoro di tantissime altre badanti che faticano e lavorano bene. Purtroppo poi nei forum si legge solo di quelli che si lamentano perchpè quelli che vanno bene non hanno problemi da risolvere sui forum delle badanti in internet e non vanno a lamentarsi e nemmeno a dire che le badanti sono brave.

    RispondiElimina
  27. quando la badante si ammala occorre dirlo all'INAM e c'è la cassa COLF che ci deve pensare perchè tutti i mesi sia la famiglia sia la badante pagano.

    RispondiElimina
  28. questa della malattia è una bella storia. Ho avuto tre badanti mai nessuna è tornata dalle ferie regolarmente, tutte hanno sempre fatto giorni di malattia una delle tre ha fatto addirittura 2 mesi grazie ad un medico compiacente. Possibile io trovi tutte quelle di salute fragile?

    RispondiElimina
  29. se una badante sta a casa una settimana è già licenziata, figuriamoci pretendere la conservazione del posto di lavoro dopo 180 giorni lontane dalla famiglia dell'assistito.

    RispondiElimina
  30. salve una domanda ma la bandante convivente ammalata ha diritto cmq a stare in casa ospite vitto e alllogio?

    RispondiElimina
  31. SONO DELLE PARASSITE NULLA FACENTI NE HO AVUTE 2 DI DOMESTICHE LA PRIMA DOPO UN MESE DALL'ASSUNZIONE IN MALATTIA, LA SECONDA DOPO DUE MESI DALL'ASSUNZIONE SI È MESSA PER 31 GIORNI IN MALATTIA DOPO CHE GLI AVEVO ANNUNCIATO CON RACCOMANDATA CHE LA LICENZIAVO, PER CUI FINTA MALATTIA,E VOLEVA RIENTRARE QUANDO VOLEVA LEI.TROPPI DIRITTI LA LEGGE VA CAMBIATA L'INPS DEVE CONTROLLARLE COME OGNI LAVORATORE, PERCHÉ LA MIA ANDAVA A LAVORARE A NERO DA UN SLTRA FAMIGLIA.

    RispondiElimina

Quando un singolo post ha oltre 200 commenti, quelli eccedenti i primi 200, non vengono subito visualizzati. Per leggerli tutti è necessario cliccare qui sopra (quando viene inserito) il link:
"Carica altro..."